Category: News

Guadagnare sul Web un extra mensile

Ci sono alcuni siti web che tengo sempre sottomano, e che possiamo utilizzare per guadagnare un po’ di soldi extra. Guadagnare con Web un extra mensile è una speranza per molti, specialmente in questo periodo.
Alcune settimane possiamo guadagnare con Web un extra mensile che può arrivare a 300 Euro in più, spesso con un impegno minimo in termini di tempo.
Questi siti web sono perfetti per chi già si occupi di web, abbia una attività come freelance, in attesa di qualche cliente importante che impegni la maggior parte del tempo ogni giorno.
Come per tutti i lavori, è necessario controllare spesso le possibilità di lavoro, e naturalmente conoscere l’inglese.
Non le consiglierei come opportunità di un vero e proprio lavoro, ma – trovando del tempo extra e con costanza – è possibile guadagnare una cifra interessante.

Prolific

Prolific è senza dubbio il miglior sito di sondaggi disponibile. In effetti, dovresti sacrificare tutti gli altri siti per Prolific.
La paga qui è decente e fanno ogni sforzo per pagare ai partecipanti un prezzo equo.
A differenza di altri siti di sondaggi come Swagbucks o Qmee che ti pagano il minimo, i sondaggi Prolific di solito soddisfano o superano il salario minimo di molti paesi in Unione Europea.
Il sito Web è disponibile per utenti nella maggior parte dei paesi. Primo passo, dunque, registrarsi al sito.
Dovrai compilare alcune informazioni su di te che ti aiuteranno a scegliere ed essere assegnato a studi e ricerche.
Controlla regolarmente mentre aggiungono sempre nuove domande che possono aiutarti a garantire ulteriori lavori.
Prolific è un sito web di ricerca accademica e a volte ha anche studi di ricerca di mercato. Gli argomenti sono di solito davvero molto interessanti con lunghezze che vanno da 1 minuto a 60 minuti. La paga media risulta essere di circa € 7,50 all’ora trascorsa a lavorare sul sito. Una paga superiore a molti lavori manuali che si trovano a disposizione online.
Nuove ricerche vengono pubblicate di continuo, l’opzione migliore è mantenere sempre aperto il sito web per accedere a nuovi lavori. Ultimamente sono disponibili molti lavori, specie rispetto a qualche tempo fa, e non è difficilissimo guadagnare fino a 100 Euro a settimana, con impegno e attenzione.

UserTesting e guadagnare via Web

UserTesting è un altro ottimo sito web per guadagnare online extra. Il lavoro è disponibile, la paga è buona, se presti attenzione puoi seguire molte attività.
Il lavoro offerto è semplice: si tratta di fornire feedback sull’esperienza utente sulla pagina per un’ampia varietà di marchi.
Accettano persone dalla maggior parte dei paesi purché tu abbia una buona padronanza dell’inglese parlato.
È davvero importante essere in grado di esprimere chiaramente i propri pensieri per fornire valore alle aziende.
Devi fare un test pratico prima che ti lascino passare alla dashboard e al lavoro sicuro.
Affronteremo in un articolo separato le difficoltà per superare il test online, e iniziare il lavoro. Potete comunque provarci.
Come detto, l’inglese è importante. D’altro canto pensate sul serio di poter lavorare senza conoscere la lingua inglese, nel 2021?
Il sistema di valutazione su UserTesting si basa su una valutazione con stelle. Quante più stelle hai, tanti più test potrai vedere.
Devi cercare di mantenere una valutazione a 5 stelle per ottenere il maggior numero di test. Se sei veloce nell’accettare gli incarichi, puoi fare davvero molti soldi extra con questo lavoro online.
Non è difficile accumulare 300 o anche 400 euro al mese da UserTesting, ma ci sono persone che lavorano solo ed esclusivamente su questo sito web.
Avendo anche altre possibilità, come abbiamo visto, non ha senso mantenersi solo su un sito, ma insieme con gli altri permette un ottimo stipendio extra mensile.
La maggior parte dei test durano tra 5 e 20 minuti e pagano $ 10 $ per ogni test.
Hanno anche test di conversazione dal vivo in cui puoi guadagnare fino a $ 60 per test.

Serpclix per guadagnare con il Web

Serpclix è una piattaforma che regala tra $ 0,05 e $ 0,10 per clic. Non è difficile imparare a utilizzarlo. Si tratta di scaricare una estensione per un browser, al momento Firefox o Edge, e seguire le istruzioni per effettuare una ricerca web.
Nel browser infatti appare un ordine potenziale, noi dovremo cercare nella finestra del browser la parola chiave o keyword suggerita, e poi scorrere i risultati di Google fino a trovare il link che dovremo cliccare, di solito evidenziato con un colore diverso. Non necessariamente il link sarà nella prima pagina, anzi molto spesso sarà in una pagina successiva del browser.
Una volta aperto il sito cliente, partirà un timer con un countdown, e dovremo rimanere sulla pagina per i secondi specificati. Qualsiasi movimento dal sito, chiudere il browser o tornare indietro vi farà perdere la possibilità di guadagno. Quindi è un lavoro per chi ha pazienza!
Non è di sicuro un lavoro difficile, è il sistema ad avvisare non appena è disponibile un nuovo sito web da cliccare per guadagnare un extra.
Ci sono lavori che rendono decisamente di più, ma non si può pretendere molto da una attività dove l’unico impegno sia cliccare su un link.
Con un po’ di allenamento si riesce a cliccare anche facendo altro, magari parlando al telefono, e spesso i siti che si aprono sono interessanti, tanto da navigarci.

Come guadagnare via web?

Ho volutamente evitato di parlare delle offerte con cinque zeri offerti al mese, perchè solo una persona sciocca pensa di poter guadagnare migliaia di euro senza essere un professionista, con un lavoro semplice e banale.

Queste offerte di lavoro online sono una opzione per guadagnare un extra mensile, che qualche volta può stupirci, altre volte sarà limitato.

Non si tratta di un impegno importante e può essere portato avanti anche da chi faccia altro durante il giorno. Un computer è sufficiente e, come detto, con un po’ di impegno si potrà arrivare a guadagnare qualche centinaio di euro al mese, senza particolare sforzo.

Quello che vi consiglio è comunque di non aspettarvi un guadagno dal web, non un guadagno serio, a meno di non voler cadere a tutti i costi in trappole da parte dei moltissimi truffatori che cercano proprio dei “polli” da spennare.

Inutile paragonarsi a Chiara Ferragni. I maggiori influencer hanno costruito la loro reputazioe con anni di attività e soprattutto un supporto professionale da parte di esperti del settore. Con un paio di video su TikTok o su Youtube non si arriva da nessuna parte, e non si riuscirà mai a mantenere una famiglia o nemmeno se stessi.
Tutti quelli che dicono il contrario stanno mentendo, e di solito parlano del “cugino” o “dell’amico di un amico”.

Concentratevi sullo studio e sull’approfondimento di ogni materia, anche utilizzando le moltissime possibilità del web, le proposte gratuite o a basso costo, e SPECIALIZZATEVI. Scegliete quello in cui siete davvero bravi, e fate quello che vi rende felici, indipendentemente dal guadagno. E’ l’unico modo per provare a sfondare e avere successo.

E ora dimmi la tua, cosa ne pensi?
Vuoi aggiungere qualche altro sito web a questa lista? Commenta pure!

Siglato accordo per digital green pass

BRUXELLES – E’ stato firmato il regolamento per la istituzione del certificato digitale COVID per UE, noto anche come digital green pass, che permetterà di agevolare tutti i movimenti nell’unione europea.

Antonio Costa e Ursula von der Leyen, rispettivamente il rappresentante degli stati membri e la presidente della Commissione Europea, con il presidente del Parlamento EU David Sassoli, hanno firmato questa mattina 14 giugno 2021 il testo finale.

L’entrata in vigore del digitale green pass è prevista per il 1 luglio 2021, mentre da ora gli stati membri che non abbiano già provveduto dovranno iniziare la procedura informatica per connettere le fonti dati nazionali.

Perdite segnalate alla centrale nucleare cinese: USA sta valutando i dati

Il governo degli Stati Uniti ha trascorso gli utlimi giorni a valutare un rapporto su una presunta fuga di notizie in una centrale nucleare cinese, dopo che una società francese partner nell’operatività della centrale nucleare, ha avvertito di una “minaccia radiologica imminente”.

Secondo il documento, l’autorità cinese per la sicurezza stava innalzando i limiti accettabili per il rilevamento delle radiazioni al di fuori della centrale nucleare di Taishan nella provincia di Guangdong, al fine di evitare di doverla chiudere. Questo il contenuto comunicato dalla società francese al Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, ottenuto e pubblicato dalla CNN.
Nonostante l’allarmante notifica da parte di Framatome, la società francese, l’amministrazione Biden ritiene che la struttura non sia ancora a un “livello di crisi”.

I funzionari statunitensi hanno ritenuto che la situazione attualmente non costituisca una grave minaccia per la sicurezza dei lavoratori dello stabilimento o del pubblico cinese, ma è insolito che una società straniera contatti il governo americano per segnalare il problema nucleare, quando il suo partner statale cinese non riconosca ancora l’esistenza di un un problema reale.

Gli Stati Uniti potrebbero trovarsi in una situazione complicata, se la fuga di notizie dovesse continuare o diventare più grave senza essere risolta.

Tuttavia, la preoccupazione era abbastanza significativa che il Consiglio di Sicurezza Nazionale ha tenuto più riunioni la scorsa settimana mentre hanno monitorato la situazione, tra cui due a livello di vice e un altro incontro a livello di assistente segretario venerdì, guidato dal direttore senior della NSC per la Cina Laura Rosenberger e Direttore senior per il controllo delle armi Mallory Stewart, a detta dei funzionari statunitensi.

L’amministrazione Biden ha discusso la situazione con il governo francese e i propri esperti presso il Dipartimento dell’Energia.

Anche gli Stati Uniti sono stati in contatto con il governo cinese, hanno comunicato i funzionari statunitensi, anche se i dettagli di questo contatto non sono chiari.

Il governo degli Stati Uniti ha rifiutato di spiegare la situazione in dettaglio, ma i funzionari del NSC, National Security Council americano, hanno dichiarato che – se ci fosse qualche rischio per la popolazione – gli Stati Uniti sarebbero tenuti a farla conoscere ai sensi degli attuali trattati relativi agli incidenti nucleari.

Framatome aveva contattato gli Stati Uniti per ottenere una deroga che avrebbe permesso loro di condividere l’assistenza tecnica americana al fine di risolvere il problema presso lo stabilimento cinese.

Ci sono solo due ragioni per cui questa rinuncia sarebbe concessa, e una è una “minaccia radiologica imminente”.

La nota sostiene che il limite cinese è stato aumentato per superare gli standard francesi, eppure non è chiaro come questo sia paragonato ai limiti statunitensi.

“Non sorprende che i francesi abbiano comunicato questo problema” dice Cheryl Rofer, uno scienziato nucleare che si è ritirato dal Los Alamos National Laboratory nel 2001.

“In generale, questo genere di cose non è straordinario, ma alla Cina piace dire che tutto va sempre bene, in ogni situazione”, ha aggiunto.

Gli Stati Uniti potrebbero dare il permesso a Framatome di fornire assistenza tecnica o supporto per aiutare a risolvere il problema, ma è il Governo Cinese a dover decidere se l’incidente richieda la chiusura completa dell’impianto, come riporta la CNN.

In definitiva, la richiesta di assistenza dell’8 giugno da parte di Framatome è l’unico motivo per cui gli Stati Uniti sono stati coinvolti nella situazione.

La CNN ha contattato le autorità cinesi di Pechino e Guangdong, dove si trova l’impianto, l’ambasciata cinese a Washington DC, nonché il gruppo energetico di proprietà statale che gestisce lo stabilimento insieme alla società francese.

Nessuno ha risposto direttamente, anche se la Cina è nel mezzo dei festeggiamenti per una festa nazionale di tre giorni, che finirà lunedì.

La centrale nucleare di Taishan ha pubblicato una dichiarazione sul suo sito web domenica sera, sostenendo che le letture ambientali – sia per l’impianto che per l’area circostante – erano “normali”.

I due reattori nucleari di Taishan sono entrambi operativi, continua la dichiarazione, aggiungendo che il reattore numero due aveva recentemente completato una revisione ed era stato “collegato con successo alla rete il 10 giugno 2021”.

“Da quando è stata messa in esercizio commerciale, la centrale nucleare di Taishan ha controllato rigorosamente il funzionamento delle unità in conformità con i documenti di licenza operativa e le procedure tecniche. Tutti gli indicatori di funzionamento delle due unità hanno soddisfatto i requisiti delle norme di sicurezza nucleare e le specifiche tecniche delle centrali elettriche”, prosegue la dichiarazione.

In una successiva dichiarazione di venerdì, Framatome ha riconosciuto la società «sta sostenendo la risoluzione di un problema di prestazioni con la centrale nucleare di Taishan nella provincia di Guangdong, Cina».
«Secondo i dati disponibili, l’impianto opera entro i parametri di sicurezza. Il nostro team collabora con esperti competenti per valutare la situazione e propo

Vaccino Pfizer approvato per adolescenti dai 12 anni

14 Giugno 2021

Il vaccino Comirnaty Pfizer è stato stato approvato dall’EMA per l’utilizzo su adolescenti dai 12 ai 15 anni (link: Ema.europa.eu)

VAXZEVRIA Vaccino AstraZeneca: Aggiornamento del Ministero della Salute “viene somministrato solo a persone di età uguale o superiore ai 60 anni” con ciclo di prima e seconda dose. Per chi ha ricevuto la prima dose e ha meno di 60 anni il Ministero indica “il ciclo deve essere completato con una seconda dose di vaccino a mRNA Pfizer Comirnaty o Moderna, da somministrare ad una distanza di 8-12 settimane dalla prima dose”. Il vaccino Astra Zeneca ha una tecnologia definita del vettore virale: viene cioè utilizzato un virus simile a SarsCov2 ma meno aggressivo. In questo modo si allerta la risposta immunitaria dell’organismo. Le 2 dosi sono somministrate a distanza di 8-12 settimane.

JANSSEN Vaccino Johnson & Johnson: è un vaccino monodose raccomandato per soggetti di età superiore ai 60 anni. Ill Comitato tecnico scientifico precisa: “Qualora si determinino specifiche situazioni in cui siano evidenti le condizioni di vantaggio della singola somministrazione ed in assenza di altre opzioni, il vaccino Janssen andrebbe preferenzialmente utilizzato, previo parere del Comitato etico territorialmente competente”. Similmente al vaccino AstraZeneca il Johnson è un vaccino a vettore virale.

COMIRNATY Vaccino Pfizer-BioNTech: è stao di recente autorizzato da Ema e Aifa anche per gli adolescenti da 12 a 15 anni. Prevede due dosi e utilizza una tecnologia diversa dai precedenti, quella dell’RNA messaggero. Si somministra l’acido ribonucleico (Rna) del Virus, che racchiude le istruzioni per costruire le proteine del virus. Somministrando l’mRna si controlla la produzione della proteina Spike, contro cui il nostro sistema immunitario va ad agire.

MODERNA: il vaccino Moderna è stato autorizzato per i soggetti a partire dai 18 anni e funziona in modo simile al vaccino Pfizer, con la tecnologia RNA messaggero. Anche Moderna è in attesa dell’autorizzazione da parte di EMA per l’utilizzo sugli adolescenti a partire da 12 anni di età.

BASTA al trasporto di animali vivi!

Diciamo insieme BASTA al trasporto di animali vivi! Sono cause di sofferenze continue per milioni di individui e non possiamo voltarci dall’altra parte! #BanLiveExports #StopTrasportoAnimaliVivi

Tinder riconoscere truffa online

Tinder è un’applicazione smartphone molto popolare anche in Italia, dopo un grande sviluppo all’estero, e permette, teoricamente, di stringere amicizia con persone dalla nostra area o da tutto il mondo. Come in ogni app, però, una serie di truffatori hanno colto al volo le possibilità di Tinder per tentare, e spesso riuscire, a truffare utenti. Con un po’ di attenzione potremo cercare di evitare le truffe su Tinder, cercando di goderci la parte positiva nella ricerca di amicizia.
Lolli Group è impegnata nella ricerca delle truffe ovunque sul web, e Tinder con la sua base utenti non fa eccezione. Abbiamo trascorso un po’ di tempo a scandagliare e verificare la piattaforma, e le indicazioni che seguono sono date dall’esperienza trascorsa su questa app Tinder e con gli utenti.

Gli utenti dei social sono sempre troppo preoccupati di arrivare presto al risultato, e quasi sempre trascurano i segnali più evidenti dell truffe. Ripensandoci ci si accorge di aver dimenticato anche il buon senso, e i truffatori dietro la tastiera sono sempre molto più furbi di noi.
Uno dei molti indicatori della bontà di una applicazione è Trustpilot, che raccoglie i commenti degli utenti, che in linea di massima scrivono liberamente. In ogni caso la bocciatura di Tinder su Trustpilot è evidente e massiva, segno che qualcosa non funziona nel modo corretto. Ecco qui il link alla pagina Trustpilot dove si parla di Tinder.

tinder_lolli_group_truffa_spam_01
Prestare attenzione

I Profili Falsi su Tinder

Non è difficile capire la truffa

Moltissimi profili su Tinder riportano una prima foto più o meno sexy, per attirare l’attenzione, e una seconda foto che contiene all’interno un link. 

Se il link è abbreviato, è possibile e anzi sicuro che vi tracci, per far sapere all’hacker quante persone abbiano cliccato.

Spesso si tratta semplicemente di pubblicità ingannevole, il link vi porta a una pagina Instagram o a un sito Web, per generare traffico, ma qualche volta è l’inizio di una vera e proprio truffa.

Prestate molta attenzione, per quanto attraente possa essere la foto, quando esiste un link esterno il profilo è al 99% falso, e potete segnalarlo a Tinder, che provvederà a eliminarlo.

Attenzione anche a tutti i profili senza una foto della persona, senza un volto, magari con paesaggi naturali, montagne, fiori, o frasi ad effetto. Torneremo dopo su questo pericolo, spesso meno legato a una truffa diretta, ma forse più personale.

tinder_lolli_group_truffa_spam_03
tinder_lolli_group_truffa_spam_05
tinder_lolli_group_truffa_spam_11
Attento alle informazioni fornite

Scambiare informazioni

Se è troppo bello per essere vero, non è vero

Fermiamoci a riflettere un momento, senza lasciarci cancellare il sesso dagli ormoni, quando un profilo è troppo bello per essere vero. Tutto è possibile, naturalmente, ma è molto, molto difficile che una modella o un modello utilizzino Tinder in cerca di amici, più o meno legati a un incontro. I profili falsi, che devono immediatamente generare sospetti, sono quelli con una o due foto e non di più, con l’assenza completa della biografia, oppure scritti in un italiano approssimativo.

Esistono programmi software che permettono di generare vere e proprie immagini finte, di donne o uomini, che possono essere utilizzati sui social. Queste immagini non sono “rubate” da altri profili, ma sono generate da zero, e sono in formato unico e non ripetibile.

Come tali non troveremo queste immagini nemmeno con una ricerca su Google Immagini, perchè semplicemente non esistono, tranne per la singola copia che avete visto. I truffatori hanno enormi risorse, migliorano ogni giorno le loro tecniche e sistemi per farci cadere in errore, per preparare una vera e propria trappola, definita anche Scam.

tinder_lolli_group_truffa_spam_06
tinder_lolli_group_truffa_spam_10
tinder_lolli_group_truffa_spam_12
Automatismi e sistemi Server

Riconoscere i Bot

Ci coinvolgono con frasi ad effetto

NON lasciare mai Tinder, specialmente quando chi interagisce con te ti invita a seguire la conversazione su altri social. 

Anche se Tinder non è esente da profili falsi, come abbiamo visto, l’unico modo per essere protetti e rimanerci. Una volta lasciato Tinder per proseguire la conversazione (finta) su Whatsapp, Messenger o Facebook, o Telegram, siete in totale balia degli eventi.

E se pensiamo che un numero di telefono che il Bot o il truffatore ci ha fornito per connettervi sia una sicurezza, sbagliamo ancora. Esistono sistemi automatici che creano un numero di telefono dall’altra parte del mondo o anche italiano, un numero che non esiste se non virtualmente, ed è collegato a un server. 

I truffatori se ne servono proprio allo scopo di agganciarci, e sparire un secondo dopo aver completato la truffa. Ovvero soldi.

Anche in questo caso, come per la ricerca di immagini, il numero di telefono non sarà facilmente rintracciabile, perchè creato ad hoc e utilizzato solo una volta.

tinder_lolli_group_truffa_spam_05
tinder_lolli_group_truffa_spam_08
tinder_lolli_group_truffa_spam_14
Se non ci hai pensato...

Ex Fidanzati Moglie o Marito

Un pericolo fin troppo vicino

Fin troppo semplice che dall’altra parte della applicazione Tinder ci sia un ex furioso, che non si rassegna alla fine della relazione, o ancora che voglia semplicemente dimostrare davanti al Giudice qualcosa.

Chi altri potrebbe fregarci facilmente se non una persona che ci conosce? 

Il nome e la modalità internazionale delle app spesso traggono in inganno, ci sembra che non sia possibile incontrare una persona che conosciamo, ma in realtà è molto più semplice di quello che pensiamo.

L’algoritmo di Tinder permette non solo a noi di cercare persone nella nostra zona, ma anche ad altri di entrare in contatto più o meno “fortuito” con noi.

Immaginiamo di avere una passione per i cani, per il volo, per il buon cibo, per i viaggi. Niente di speciale, ma la combinazione di questi elementi ci toglie dall massa di profili generici, e ci accoppia facilmente, con altri profili dove le stesse caratteristiche siano compilate.

Ed ecco come fanno i nostri ex a rintracciarci anche su Tinder. 

Unendo il profilo con foto false, o con le foto di cui abbiamo detto prima che ritraggono laghi, campagne, montagne o cagnolini, non è poi tanto difficile entrare in un match, e cogliere la vittima.

Da qui ogni parola che scriveremo sarà registrata, ogni conversazione sarà uno screenshot, usata contro di noi in ogni modo, anche con minacce.

Ricordiamoci che se è troppo bello per essere vero, non è vero.

tinder_lolli_group_truffa_spam_04
tinder_lolli_group_truffa_spam_09
tinder_lolli_group_truffa_spam_07
Rivediamo i punti

Proteggersi dalle Truffe di Tinder

Non è poi impossibile proteggersi
  • I profili troppo belli sono falsi

  • Evitare i link esterni

  • Non uscire dalla app per altre piattaforme (es. Telegram, Messenger, Facebook)

  • Il pericolo può venire sia da un truffatore a migliaia di Km, sia da un ex arrabbiato

  • MAI MAI MAI inviare denaro: nemmeno 10 euro, nemmeno 1 euro

Truffa Mail Video Pornografico

La mail ti arriva da un indirizzo che ovviamente non conosci, e più o meno il testo è questo:

 

Salve,
Prima di tutto, lascia che mi presenti, faccio il programmatore di professione e mi occupo di hackeraggio nel mio tempo libero.
Stavolta sfortunatamente sei tu la vittima di turno, infatti ho appena hackerato il Sistema Operativo e il tuo dispositivo.Ti osservo da parecchi mesi.
In parole povere ho infettato il tuo dispositivo con il mio virus mentre stavi visitando il tuo sito per adulti preferito.Cercherò di spiegarti la situazione in maniera più dettagliata, se non conosci molto bene questo genere di cose.
Il virus Trojan mi consente l’accesso completo, oltre che il controllo del tuo dispositivo.
Quindi, posso vedere e accedere a qualsiasi cosa sul tuo schermo, accendere la videocamera e il microfono e fare altre cose, senza che tu te ne accorga nemmeno.
Inoltre, ho anche avuto accesso alla lista dei tuoi contatti sulle tue reti social e sul tuo dispositivo.
Forse ti starai chiedendo perché il tuo antivirus non ha individuato nessun software dannoso fino a questo momento.
– Allora, il mio spyware usa un driver speciale, che ha una firma che viene aggiornata regolarmente, pertanto il tuo antivirus non riesce a beccarlo.
Ho creato un videoclip che fa vedere come ti trastulli sul lato sinistro dello schermo, mentre sulla parte destra c’è il video porno che stavi guardando in quel momento.
Basterebbero pochi clic del mouse per inoltrare questo video a tutti i tuoi contatti e agli amici dei social.
Sarai sorpreso di scoprire che potrei perfino caricarlo sulle piattaforme online accessibili pubblicamente.

La buona notizia è che puoi evitare che tutto questo accada:
Non devi fare altro che trasferire l’equivalente in bitcoin di 1250 EUR al mio portafoglio BTC
(se non sai come si fa, svolgi qualche ricerca online – ci sono numerosi articoli che descrivono l’operazione step-by-step).
Il mio portafoglio bitcoin è (BTC Wallet): 1PFwBwH1Cof2FcEhWY2EbZv5Y28TkLiXfU
Una volta ricevuto il tuo pagamento, cancellerò immediatamente i tuoi video perversi, e ti prometto che non mi farò sentire mai più.
Hai 48 ore (2 giorni precisi) per completare il pagamento.
Nel momento in cui aprirai questa e-mail mi sarà inviata automaticamente la notifica di lettura e da quel momento si avvierà il timer.
Non disturbarti a cercare di rispondermi, perché non cambierà nulla (l’indirizzo e-mail del mittente è stato generato automaticamente e preso da Internet).
Non provare nemmeno a sporgere denuncia, perché tutti i miei dati personali e il mio indirizzo bitcoin sono crittografati come parte di un sistema di blockchain.
Ho pensato a tutto.
Se scopro che hai cercato di inoltrare questa e-mail a chiunque, renderò pubblico il tuo video perverso.
Cerca di essere ragionevole e di non commettere più errori stupidi. Ti ho fornito una guida passo-passo.
Devi semplicemente seguire i passaggi per sbarazzarti definitivamente di questa situazione spiacevole.
Saluti e buona fortuna.

Non sono pochi quelli che cascano nel tranello, e non è il luogo per giudicare se alcuni utenti abbiano o meno la “coda di paglia”.
Di solito il truffatore non ha alcun video, in particolare non quello che immaginiamo.
NON è riuscito ad accedere al nostro computer e NON ha registrato alcun video porno.
Il suo scopo è solo intimidirci e preoccuparci, e l’unica opzione che abbiamo è di denunciare tutto alla Polizia Postale.
Nonostante la richiesta possa sembrare preoccupante, viene inoltrata a milioni di mail contemporaneamente.
Quindi dobbiamo:

  • NON pagare
  • Cambiare comunque le password dei social e delle mail, attività che comunque non fa mai male
  • Se la minaccia pare reale, denunciare tutto alla Polizia Postale attraverso il loro sito online (clicca qui per il link) o di persona

Teniamo presente che molto spesso si tratta di ragazzi che tentano soldi “facili”, attraverso un conto BitCoin non rintracciabile.

Per le vostre segnalazioni è sempre attiva la mail fake@lolligroup.com, alla quale potete scriverci e allegare anche una copia della mail o della chat.

Telegram Anti Frode Bot

Su Telegram abbiamo il nostro Bot Anti Frode Anti Truffa che potete consultare scrivendo l’indirizzo mail del truffatore, o il suo nome, per vedere se è presente nel database.
Ecco il link: https://t.me/LollyOneBot

Truffe Social come difendersi

Abbiamo assistito, negli ultimi anni, a un incremento delle truffe sui social. Non ha aiutato la pandemia COVID, che ha portato milioni di persone a frequentare più assiduamente i social, anche chi non trascorreva molto tempo, prima, su Facebook, Twitter, Telegram, WhatsApp, Tinder e molti altri.

L’isolamento sociale ha portato molti a cercare una compagnia almeno virtuale in rete, e i criminali ne hanno approfittato ovunque nel mondo.

Abbiamo già trattato delle truffe sessuali con ricatto, vedremo ora come tentare di evitare le truffe economiche, specialmente le più diffuse.

Truffa Scam Telegram

Leggendo i commenti nei gruppi che trattano di “soldi facili”, molto diffusi su Telegram ma presenti anche su Facebook e altre piattaforme, vengono i brividi.

La maggior parte degli utenti sono giovani e giovanissimi, quasi tutti alla ricerca di un sistema per guadagnare pochi soldi in fretta e senza muoversi dal computer.

È inutile dare consigli, perché questi non vengono mai ascoltati. Come alienati, la maggior parte cadono facilmente preda dei truffatori. Ogni avvertimento, ogni segnalazione è trattata come un tentativo di andare controcorrente, di minare un sistema che in molti hanno già letto – su qualche fake news – come semplice e immediato.

Le truffe spesso sono di pochi euro o di poche decine, ma la quantità enorme delle truffe portate a segno garantisce ai truffatori un guadagno enorme. 

Truffa dell’account Netflix o PlayStation

Conosciamo tutti i sistemi utilizzati per vedere un canale Netflix a pagamento: basta inserire user e password e si possono vedere film, serie, documentari e cartoni animati.

Sfruttando questa apparente semplicità, il truffatore propone su migliaia di canali e gruppi Telegram o Facebook un account pronto e funzionante, a bassissimo prezzo.

Il prezzo è talmente basso, di solito da 1 a 5 euro, che anche il più sospettoso utente mette da parte le perplessità e acquista.

Un account che normalmente su Netflix costa 9 euro al mese, su Telegram viene venduto a 1 euro, per lo stesso periodo o più.

Come è possibile? È giusto fidarsi?

NO, ovviamente NO. L’account funzionerà solo per poche ore, e non esistono venditori “sicuri”. Tutti, ma proprio tutti, sono truffatori.

Vedere Netflix per un pomeriggio – se tutto va bene – può costare fino a 5 euro. 

Dopo pochissime ore, come detto, l’account sarà bloccato e non funzionerà più. 

L’utente, quindi, vorrà tornare a contattare il venditore, che SEMPRE sarà a questo punto sparito, senza lasciare tracce (almeno per i comuni mortali e utenti dei social).

La truffa è compiuta.

In molti fanno notare che i gruppi dove questi truffatori mettono in vendita gli account sono pieni di recensioni positive. Sembra di stare nella pagina dell’ultimissimo prodotto venduto su Amazon Prime. Decine e decine di utenti che scrivono giudizi a cinque stelle, e che non lascerebbero adito a dubbi.

Anche questi commenti, però, quando sono scritti da persone reali, vengono chiesti immediatamente dopo il pagamento dal truffatore. Nel momento in cui vengono scritti, quindi, l’account venduto funziona effettivamente, e l’utente non ha motivo di scrivere un giudizio diverso. È felice perché ha truffato Netflix, ha avuto il suo account a cinque euro che – il truffatore promette – funzionerà per tre mesi, e dunque sta per organizzare una pizza con amici, per vedere il suo ultimo acquisto di successo.

Denunciare il truffatore

Naturalmente è nella possibilità del singolo denunciare alla Polizia Postale la truffa subita, ma sarà un po’ difficile pensare di vedersi restituire i soldi truffati. 

Non a caso il sistema utilizzato per il pagamento non sarà quasi mai PayPal, ma i truffatori sceglieranno sistemi di ricariche online non tracciabili, oppure pagamenti con crypto valute come i BitCoin, che non lasciano tracce, anche perchè trattati su siti internazionali sconosciuti.

Come difendersi dalle truffe

In questo caso non è la truffa che va dal malcapitato, ma il contrario. Non si tratta di un virus scaricato per errore sulla mail, o di un sistema che entra “a forza” nel computer. Qui è il truffato che se la va a cercare, e anzi spesso chiede, prova, testa diversi truffatori e diverse truffe, quasi non volendosi rendere conto che l’unico sistema di avere Netflix è pagare Netflix.

Oppure si può semplicemente guardare la televisione pubblica, o ancora meglio leggere un libro (sulle truffe!).

Anti Frode Bot Telegram

Lolli Group ha sviluppato un sistema BOT Automatico su Telegram che si auto aggiorna e mantiene un elenco di utenti in blacklist, segnalati da molti siti web che raccolgono truffe e truffatori. 

Il suo utilizzo è molto semplice. È sufficiente entrare su Telegram cliccando su questo link qui sotto, e scrivere il nome del sospetto truffatore come se fosse un messaggio.

Il sistema controllerà il proprio database, realizzato con sistemi Claris Filemaker, e risponderà grazie alla propria intelligenza artificiale.

LollyOne Anti Fraud Bot

Supercar a partire da un sogno

Design is Everything

Claris FileMaker è la chiave per il controllo della produzione, logistica e HR nella giovane azienda Messicana VUHL, che produce magnifiche Supercar, nel settore automotive.

Un sistema gestionale ERP è uno strumento chiave per controllare i processi logistici, di produzione e di assistenza clienti. È stato utilizzato anche presso la giovane azienda messicana VUHL, produttrice di supercar esclusive.

Trent’anni fa, a Città del Messico, i fratelli Iker e Guillero Echeverria guardavano il padre lavorare notte dopo notte per progettare e costruire l’auto dei loro sogni d’infanzia. I ragazzi hanno stupito gli altri bambini quando hanno guidato per la prima volta il veicolo nel loro quartiere.

Trent’anni dopo, Iker e Guillermo Echeverria si sono recati in Inghilterra – era il giugno 2013 – per presentare la loro creazione, la VUHL 05, una supercar leggera da strada, alla mostra annuale del Royal Automobile Club, il cuore dell’industria degli sport motoristici in tutto il mondo.

E solo due anni dopo, hanno aperto il primo stabilimento di produzione VUHL a Queretaro, in Messico, utilizzando la piattaforma Gestionale Claris FileMaker come una delle tecnologie nella produzione della loro esclusiva auto sportiva.

Idee, volontà e risorse

Iker e Guillermo hanno ereditato la passione per il design, le corse e la perfezione del design dal padre, Guillermo, che ha vinto le gare professionistiche locali. Queste qualità li hanno portati a diventare designer industriali e a creare la straordinaria VUHL 05. VUHL, abbreviazione di Veicoli ultraleggeri e ad alte prestazioni, rende un omaggio speciale al padre con l’aggiunta di 05, il suo numero di gara.

Con una semplice occhiata allo schermo dell’iPad su cui è in esecuzione il sistema gestionale, il CEO di VUHL, Guillermo Echeverria, può controllare lo stato di qualsiasi processo.

L’auto VUHL appartiene a una gamma di supercar, veicoli per gli appassionati di sport motoristici che apprezzano il design, la velocità, le prestazioni e l’innovazione. Il modello VUHL 05 è un roadster a due posti leggero, con linee semplici e un tocco di raffinata ferocia che offre una velocità massima di 152 mph e la capacità di passare da zero a 60 mph in 3,7 secondi.

Secondo Guillermo Echeverria, CEO di VUHL, la creazione dell’auto è dovuta all’allineamento di quattro condizioni fondamentali: la disponibilità di strumenti software per la progettazione e per i test aerodinamici; il supporto di CONACYT, una società di investimento; la disponibilità a collaborare dei fornitori dell’industria automobilistica; e la ratifica del Parlamento europeo e del Consiglio dell’Unione europea per l’immatricolazione di auto sportive di bassa produzione.

filemaker-claris-lolli-group-vhl-2

La produzione in serie richiede processi seri

La produzione in serie di piccoli volumi era l’obiettivo dei creatori di VUHL.

“La nostra azienda deve essere un business redditizio, con una linea di produzione, distributori, clienti internazionali, un servizio di prima classe e una crescita futura”, diceva Guillermo Echeverria.

filemaker-claris-lolli-group-vhl-3
filemaker-claris-lolli-group-vhl-4

“Il periodo 2010-2013 è stato dedicato alla progettazione, creazione di prototipi, ricerca e sviluppo. Ma il giorno dopo la presentazione in Inghilterra, la nostra nuova sfida è stata la catena di produzione”, ha aggiunto.

Lo specialista della gestione della catena di produzione del team VUHL ha suggerito di utilizzare la piattaforma Gestionale FileMaker per creare soluzioni per la pianificazione della catena di produzione e delle risorse aziendali. Una versione beta della soluzione è stata progettata internamente e testata per dare ordine e struttura al modello logistico e produttivo.

“Abbiamo visto un grande potenziale, nel prototipo del sistema ERP realizzato, quindi abbiamo deciso di andare avanti e cercare uno sviluppatore FileMaker esperto per creare una soluzione solida. È così che abbiamo iniziato a lavorare con uno dei principali Business Partner Automotive, che ha presentato una proposta personalizzata e un piano di lavoro per soddisfare le nostre esigenze “, spiega Guillermo Echeverria.

“Una volta compreso il grande potenziale dell’utilizzo di FileMaker per VUHL, abbiamo cercato uno sviluppatore FileMaker esperto per creare una soluzione solida”, afferma Guillermo Echeverria, CEO di VUHL.

Un VUHL 05 ha 1.500 parti diverse, ciascuna con un numero di parte univoco, consegnate da più di 100 fornitori in tutto il mondo. La sfida è stata quella di sviluppare una soluzione per gestire tutti i processi correlati attraverso uno strumento flessibile e versatile basato su server a cui si poteva accedere sia da un desktop che da un dispositivo mobile.

La soluzione FileMaker integra moduli SCM ed ERP per tutti i processi logistici e di produzione. Partendo dalla posizione precisa di una parte dal momento in cui lascia la fabbrica del fornitore, ogni fase del percorso viene tracciata tramite FileMaker fino a quando la parte passa attraverso la dogana e raggiunge il magazzino. Ciò include il controllo dei costi e l’inventario per ciascuna delle parti dell’auto.

Per rendere il lavoro più facile, la soluzione include un punto di controllo o un sistema di semaforo che monitora graficamente la consegna e il processo. Basta uno sguardo allo schermo dell’iPad o dell’iPhone per conoscere lo stato di un particolare processo utilizzando la versione mobile della soluzione in esecuzione.

“Grazie agli strumenti di controllo, siamo in grado di conoscere il nome del lavoratore che ha messo un pezzo nel magazzino, lo scaffale da cui lo ha rimosso e il costo dei materiali nello stabilimento”, ha aggiunto Echeverria.

Post-vendita di livello mondiale

Secondo Guillermo Echeverria, i suoi clienti in genere possiedono già un’auto sportiva di alto livello. Pertanto, quando acquistano un VUHL ottengono un’esperienza di acquisto di livello mondiale, personalizzata per le loro esigenze specifiche. Per soddisfare tale aspettativa, i clienti vengono informati sui principali processi di produzione dell’auto. Innanzitutto, sono invitati a essere presenti alla fase di assemblaggio della monoscocca a nido d’ape a base di alluminio, o pelle esterna, della carrozzeria dell’auto. Questa pelle esterna, composta da centinaia di parti estruse unite ad adesivi aerospaziali, viene lavorata in una camera d’altoforno, pulita come una sala operatoria di un ospedale. Alcune settimane dopo, il cliente può visitare lo stabilimento, per avviare per la prima volta il motore dell’auto con tutta l’elettronica e le connessioni pronte.

La soluzione personalizzata FileMaker sviluppata per VUHL integra moduli SCM ed ERP per tutti i processi logistici e di produzione.

Per tenere traccia di questi eventi chiave dei clienti, il modulo Customer Relationship Management è stato sviluppato sulla piattaforma FileMaker. Attraverso il modulo, i distributori possono registrare clienti e potenziali clienti, configurare un’auto online e conoscere l’ora di consegna. Allo stesso modo, i clienti possono esaminare i progressi della vettura e ricevere inviti all’impianto VUHL per quegli eventi chiave. E i potenziali acquirenti possono utilizzare un sito Web, fornito da FileMaker, per configurare l’auto in base alle opzioni disponibili. FileMaker Solution integra tre moduli:  

  • SCM (Supply Chain Management)
  • ERP (Enterprise Resource Planning)
  • CRM (Customer Relationship Management)

Come aiuta la piattaforma ERP Gestionale? Per gestire tutti i processi correlati attraverso uno strumento flessibile e versatile basato su server a cui è possibile accedere sia da un desktop che da un dispositivo mobile. Posizione precisa di una parte dal momento in cui lascia la fabbrica del fornitore, ogni fase del percorso viene monitorata tramite FileMaker fino a quando la parte passa attraverso la dogana e raggiunge il magazzino. Per rendere il lavoro più facile, le soluzioni includono un punto di controllo o un sistema di riflettori che monitora graficamente la consegna e il processo. Tieni traccia di tutto il controllo dei costi e dell’inventario per ciascuna delle parti dell’auto. Registra clienti e potenziali clienti, configura un’auto online e conosci i tempi di consegna. Basta uno sguardo allo schermo dell’iPad o dell’iPhone per conoscere lo stato di un particolare processo utilizzando la versione mobile della soluzione in esecuzione su FileMaker Go.

Futuro roseo per VUHL

Ora, con la crescita dell’attività, lo stabilimento è stato trasferito in una nuova location, sempre situata a Queretaro. Quando il nuovo stabilimento VUHL aprirà le sue porte, avrà tutti gli strumenti tecnologici necessari per produrre il VUHL 05. La logistica, la produzione e il controllo del processo di assistenza al cliente sono già attivi, quindi i fratelli Echeverria possono dedicare il loro tempo alla loro passione, immaginando e creare nuovi sogni motorizzati.

filemaker-claris-lolli-group-vhl-5

Chi è Anne McLaren nel doodle di oggi 26 aprile 2021

Chi era Anne McLaren, inserita del doodle di Google di oggi?
La McLaren è stata una fra le scienziate più importanti del XX secolo. I suoi studi sulla fecondazione in vitro sono rimasti fra i più importanti, e oggi avrebbe compiuto 94 anni.

Anne McLaren è stata una genetista, fra le più importanti e famose del XX secolo. E’ nota per i suoi studi sulla biologia dello sviluppo, e il suo lavoro di ricerca è stato indispensabile per lo sviluppo delle tecnologie di fecondazione in vitro.

Anne McLaren era nata a Londra, il 26 aprile del 1927, e da bambina ebbe anche un piccolo ruolo al cinema. Recità infatti in un film di fantascienza del 1936, La vita futura (Things to Come) di William Cameron Menzies. Nel film il nonno della bambina le parlava dei progressi nella tecnologia spaziale, con cui i primi topi erano stati portati fin sulla Luna. Anne, anni dopo, aveva raccontato l’episodio e la sua partecipazione al film come un importante contributo alla sua passione per la scienza, sviluppata negli anni successivi.

Gli studi di Anne McLaren furono incentrati sulla zoologia all’università di Oxford, seguiti poi da un dottorato alla University College di Londra. Con il collega John Biggers, dimostrò la possibilità di creare embrioni sani al di fuori dell’utero materno, utilizzando embrioni di topo. Anne Laura Dorinthea McLaren

Il suo lavoro più importante venne pubblicato nel 1958, sulla fecondazione in vitro (IVF). Un lavoro che diventò fondamentale per lo sviluppo degli studi di embriologia.
Nel 1982 entrò nel Comitato Warnock, un ente governativo dedicato a politiche sulla fecondazione in vitro ed embriologia, cooperando nella produzione dell’Human Fertilisation and Embryology Act, una legge sulla fecondazione in vitro del 1990, con la quale il Regno Unito approvava l’utilizzo di coltura in vitro di embrioni umani, limitandone comunque la vita fino al quattordicesimo giorno dopo lafecondazione.

Fino al 1996, dal 1992, fu vicepresidente della Royal Society, il più antico e prestigioso ente di ricerca scientifico britannico. La prima donna dirigente di questo ente.
Anne McLaren morì nel 2007, in un incidente stradale, mentre viaggiava da Cambridge a Londra assieme all’ex marito Donald Michie.

Ecco il link al Doodle di oggi su Google.

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google