Category: News

Gestione magazzino e inventario sfruttando la potenza dell’automazione

La tua azienda è focalizzata sul futuro, il che significa che sei all’avanguardia quando si tratta di utilizzare tecnologie e risorse avanzate che guidano il successo. E sai che il magazzino è il luogo in cui avviene la magia, in particolare quando i sistemi di magazzino rimangono efficienti, funzionali e ben mantenuti. Le aziende come la tua sanno come gestire l’inventario in modo efficace e cercano i giusti investimenti in tecnologia e progetti per stare al passo.

Un modo per affrontare l’efficienza della gestione del magazzino è con l’automazione. Un sistema di gestione dell’inventario personalizzato e automatizzato aiuta a raggiungere il successo in diverse aree chiave, tra cui:

Processi più semplici che semplificano la gestione della tua attività.
Precisione migliorata per evitare perdite di tempo e costi più elevati.
Migliore previsione dell’inventario per aumentare i profitti e soddisfare i clienti.
Questi tipi di miglioramenti diventano ogni giorno più critici. I magazzini sono sottoposti a enormi pressioni a causa del boom dell’e-commerce nel 2020, quando le aziende hanno registrato un aumento del 146% degli ordini online.* La crescita dell’e-commerce significa anche maggiori ritorni dei prodotti. Secondo un rapporto CBRE, nei prossimi 5 anni potrebbero essere necessari fino a 400 milioni di piedi quadrati di spazio di magazzino aggiuntivo solo per elaborare i resi.†

Per molti operatori di magazzino, l’automazione può essere la risposta. Diamo un’occhiata a come creare un sistema di inventario con automazione, utilizzando una piattaforma low-code come Claris FileMaker, per sbloccare ciò che è possibile per la tua azienda.

Come creare un sistema di inventario che ti prepari al successo.

Quando si tratta di gestione dell’inventario, i venditori sanno che c’è del lavoro da fare. Alla domanda sulla loro più grande sfida quotidiana, il 43% dei rivenditori ha indicato la gestione dell’inventario come la loro principale preoccupazione.‡ Le piccole imprese potrebbero avere ancora più lavoro da fare: il 43% delle piccole imprese afferma di non tenere traccia del proprio inventario .

Allora, da dove inizi? Un ottimo primo passo consiste nell’esaminare i processi e i sistemi, quindi determinare quali aree devono essere aggiornate. Considera queste 3 categorie principali di gestione dell’inventario:

Gestione magazzino e  inventario.

Un sistema di gestione dell’inventario deve tenere traccia di tutti i prodotti, parti e articoli che un’azienda ha in magazzino. Le aziende dovrebbero cercare un sistema per assistere con:

  • Acquistare nuovi articoli e ricevere gli articoli con tutte le informazioni pertinenti.
  • Tracciare dove sono immagazzinati gli articoli e come dovrebbero essere spediti.
  • Gestione dell’inventario in altre ubicazioni di magazzino.
  • Determinazione del fatturato.
  • Assistenza al riordino.

Per garantire operazioni di successo, i responsabili del magazzino dovrebbero stabilire aree di scorta designate, stabilire procedure per il conteggio dell’inventario e garantire una formazione adeguata per i dipendenti.

Tieni presente che, indipendentemente dal tipo di software o sistema utilizzato, è necessario innanzitutto adottare buone pratiche di gestione dell’inventario per consentire al software di funzionare come previsto.

Precisione dell’inventario.

L’accuratezza dell’inventario è sempre l’obiettivo: cosa comporta esattamente? In genere, la precisione si riferisce al conteggio degli articoli (gli articoli contati corrispondono al numero previsto) e all’importo in dollari (l’importo in dollari previsto corrisponde al costo degli articoli disponibili). Un esempio di inventario accurato è quando un dipendente cerca qualcosa, lo trova nel posto giusto con la descrizione corretta.

Previsione dell’inventario.

La previsione dell’inventario può essere complicata. Se sopravvaluti, ti ritroverai con troppo prodotto e, se sottovaluti, non sarai in grado di evadere gli ordini. Senza il giusto inventario, le tue entrate e la soddisfazione del cliente possono subire un duro colpo. Uno studio ha rilevato che il 70% degli acquirenti acquisterebbe un articolo presso un concorrente piuttosto che attendere un certo periodo di tempo per un articolo in arretrato.

Il processo di calcolo dell’inventario futuro richiede dati solidi sulla tua attività e sul clima del settore. Sfrutta un sistema che tiene conto dei numeri storici delle vendite, delle promozioni imminenti e di altre variabili per essere il più accurato possibile.

Determina quale tipo di sistema di monitoraggio dell’inventario utilizzare.

Per migliorare la gestione dell’inventario, le organizzazioni utilizzano in genere sistemi di gestione basati su software, che vanno da sistemi manuali di base a software complessi e costosi.

Cosa funziona meglio per i proprietari di piccole imprese?

I proprietari di piccole imprese in genere si affidano a processi e sistemi manuali. Spesso usano un foglio di calcolo per catturare il modo in cui ordinano i materiali e vendono i prodotti. Tuttavia, mantenere l’integrità dei dati è difficile quando i numeri vengono inseriti manualmente e il potenziale di errore umano è elevato.

Puoi risolvere questi problemi implementando un sistema di monitoraggio dell’inventario intuitivo di portata più semplice. Cerca un’opzione facile da implementare ma personalizzabile per risolvere i problemi specifici della tua azienda.

Cosa funziona meglio per le organizzazioni più grandi?

Le organizzazioni più grandi richiedono un sistema più robusto, come un software con tecnologia di codici a barre, feedback istantaneo, ordini automatici, corrispondenza automatizzata e report e analisi avanzati. Le aziende possono scegliere tra opzioni on-premise che vengono eseguite sul proprio server o pacchetti software basati su cloud.

Come creare un sistema di magazzino con l’automazione.

Molte applicazioni e sistemi aiutano a tenere traccia dei prodotti senza un grande investimento di manodopera.

Le app di monitoraggio dell’inventario, come quelle create con FileMaker, semplificano il monitoraggio visivo e intuitivo degli elementi dell’inventario in più posizioni.

Le app hanno spesso una facile personalizzazione e integrazione e offrono la possibilità di funzionare perfettamente tra PC, tablet e dispositivi mobili (oltre che on-premise o nel cloud).

La creazione di un database di inventario ti consente di organizzare tutti i dati relativi ai tuoi file o prodotti.

Il database può essere semplice come un elenco o una raccolta di articoli o complesso come un sistema di fatturazione o inventario.

Puoi creare file da zero, generarli da un modello o produrre nuovi file con i dati di un’altra applicazione.

Con una piattaforma come FileMaker, non è necessaria alcuna esperienza di codifica professionale. Ad esempio, la creazione di etichette è un’attività che richiede tempo e che può essere automatizzata sfruttando un’app creata con FileMaker.

In effetti, puoi cercare su Claris Marketplace app e componenti aggiuntivi già pronti, come la creazione di etichette di spedizione con Shippo.

La creazione di etichette sembra abbastanza semplice, ma questa attività viene spesso eseguita utilizzando metodi manuali di base in Microsoft Excel o Word.

Copiare e incollare introduce errori, è faticosamente noioso e non è più efficiente per la maggior parte delle organizzazioni. Le aziende possono semplificare i processi di creazione e modifica delle etichette, oltre a risparmiare sui costi di sviluppo del software, sfruttando la piattaforma FileMaker.

Lo scripting intelligente consente a un team di generare automaticamente il numero appropriato di etichette, con tutti i dettagli che devono essere inclusi. Con FileMaker è possibile creare etichette senza utilizzare softwareun software separato.

I principali vantaggi della gestione automatizzata dell’inventario.

Nel complesso, un sistema di monitoraggio dell’inventario automatizzato può aiutarti a gestire le imprecisioni e migliorare il ciclo di produzione. In particolare, puoi beneficiare di: Nel complesso, un sistema di monitoraggio dell’inventario automatizzato può aiutarti a gestire le imprecisioni e migliorare il ciclo di produzione. In particolare, puoi beneficiare di:

  • Reindirizzare le tue risorse verso attività di alto valore che possono avere un impatto maggiore sulla tua attività (con l’automazione, hai coperto attività semplici).
  • Vulnerabilità e rischio ridotti dovuti all’errore umano. La capacità di scalare rapidamente e aggiungere più prodotti che i tuoi clienti adoreranno.
  • Accesso rapido ai dati necessari per fornire un ottimo servizio clienti e prendere decisioni aziendali migliori.
  • Meno stress per il tuo team, aiutandolo a lavorare in modo proattivo per affrontare potenziali problemi.

Video da vedere: guarda come Shock Therapy ha trasformato le sue operazioni di magazzino utilizzando FileMaker:

“Ora, quando entro in negozio, vedo tutti sui loro iPad e sanno esattamente cosa fare… Siamo in grado di lavorare in un formato agile… e nel tempo, siamo in grado di snellire l’intera attività”.

Ricordati che un sistema di magazzino e inventario automatizzato è alla tua portata. La necessità di efficienza del magazzino è maggiore che mai.

Gli operatori devono essere in grado di lavorare velocemente, eseguire con precisione e fare previsioni informate per stare al passo con la domanda dei clienti.

Per fortuna, è anche più facile che mai raggiungere questi obiettivi, con l’approccio giusto.

Valutando i tuoi processi attuali, determinando il tipo di sistema di gestione dell’inventario di cui hai bisogno, implementando le migliori pratiche e sviluppando un sistema di monitoraggio efficace con l’automazione, avrai ciò di cui hai bisogno per rendere magico il magazzino e aumentare i tuoi profitti.

Per ulteriori informazioni su come FileMaker guida il cambiamento nel magazzino e nella produzione, Contattaci alla mail web@lolligroup.com oppure vai alla pagina contatti.

Link interessanti e consigliati:

Azienda in difficoltà? Fatti aiutare dalla tecnologia

Il mondo è nei social. La tua azienda deve poter comunicare meglio, con strumenti integrati, poco costosi, che crescono con le tue esigenze.

Potremmo scrivere quanto siamo bravi, come riusciamo a sviluppare i nostri prodotti per aiutare aziende di ogni dimensione a rimanere sul mercato e crescere, ma preferiamo dirti semplicemente che possiamo darti tutto quello che ti serve.

Da solo non puoi farcela

Anche se la tua azienda ha un area IT o un CED, probabilmente chi ci lavora sarà oberato di lavoro, e non avrà il tempo di pensare a nuove sfide.
Personalizzare un software è una operazione molto lunga e complessa, per questo i nostri sistemi seguono una assistenza continua, e non si comprano come un chilo di mele al mercato. Li sviluppiamo mese dopo mese, ascoltando le tue esigenze e migliorando secondo le tue necessità.

Non puoi continuare con Excel

Excel è un prodotto eccezionale, ma non può sostituirsi a un gestionale personalizzato.
Non puoi avere i dati in centinaia o migliaia di fogli excel sparsi in tutta l’azienda, non puoi pensare di gestire un’impresa mandando e ricevendo continuamente fogli elettronici via mail.
Non ti è mai capitato di non trovare i dati che cercavi, o di dover aspettare qualcuno che te li inviasse?

La comunicazione è essenziale

Per questo motivo abbiamo integrato il software gestionale personalizzato con molti strumenti che permettono di comunicare verso l’esterno.
Le integrazioni con Telegram, ad esempio, rendono semplicissimo comunicare con i tuoi clienti, ricevere feedback come ordini, ma anche gestire personale, ticket, assistenza, veicoli e collaboratori.

Scrivi sul web in modo efficace

In aggiunta ai social, il web è indispensabile per comunicare con i tuoi clienti.
Hai verificato quanto tempo ci vuole per un articolo pubblicato, rispetto al ritorno che la tua azienda ne può avere?
I nostri gestionali permettono non solo di pubblicare articoli con un click, ma anche di tenere i testi sempre a portata di mano, di renderli SEO oriented prima di inviarli, di gestire molte piattaforme web contemporaneamente.
Il tutto il alcuni secondi, non ore.

Gestisci lo Smart Working

La variante Delta del COVID ci sta riproponendo lo Smart Working obbligatorio. Che metodi usi per gestire il tuo personale, per scambiare le informazioni, per verificare le attività?
Hai tutto sotto controllo? Sei sicuro?

Assistenza IT

Lavoriamo con i computer fin dal 1994, conosciamo il web da prima che nascesse Google e Facebook, abbiamo il know how non solo tecnico, ma anche linguistico per gestire tutta la comunicazione che ti serve, come l’hardware il software.
Non abbiamo legami e provvigioni, la nostra gestione è sempre e solo orientata al massimo risparmio di budget.

Provaci e vedrai.

Scrivi a web@lolligroup.com o vai alla pagina contatti!

Pubblicare Articoli SEO in automatico

Un aiuto decisivo nella pubblicazione di articoli WordPress SEO.

Grazie alla nuova tecnologia Claris Filemaker, in Lolli Group sfruttiamo tutti i vantaggi offerti da Filemaker Claris 19, su Windows, MAC OSX e Linux.

Come funziona WordPress Lolli Group SEO Dashboard

Con una dashboard molto semplice l’utente scrive, o incolla, in testo dell’articolo e sceglie i tags.
Il sistema pensa – grazie alla sua A.I. integrata – a pubblicare l’articolo in modo rapidissimo su WordPress, inserendo in automatico le caratteristiche per trasfromare un comune testo – che nessuno legge – in un testo SEO.

Molti plugin di WordPress danno un feedback sugli articoli, ricordano di inserire un link, o di sottolineare alcune parole, o ancora di utilizzare titoli come H2, H3, H4.
Il sistema Lolli Group fa tutto da solo. Decide cosa sia importante, in base alle indicazioni dell’utente e degli argomenti del sito web, e provvede a pubblicare l’articolo in automatico.
Può inoltre pubblicare immediatamente il pezzo, oppure possiamo decidere di pubblicarlo a un orario stabilito.
Con la stessa semplicità, sfruttando plugin di WordPress, lo stesso articolo verrà pubblicato contemporaneamente su:

  • Facebook
  • Twitter
  • Telegram
  • Linkedin

e lavoreremo per integrarlo in tutti gli altri social che dovessero essere utili o utilizzati.

Il sistema è molto rapido, e ne apprezzerete la semplicità, soprattutto se avete idea dei tempi necessari per pubblicare un articolo su WordPress, specie se ospitato da hosting a low budget.
Tutti gli articoli saranno poi presenti a sistema, e archiviati per tags, argomenti, interesse, titoli e ricercabili in una frazione di secondo.

Un sistema molto utile anche per chi lavora su diversi siti web contemporaneamente: è possibile modificare frasi dello stesso pezzo per intergarlo in siti web differenti, senza incorrere nelle penalizzazioni di Google per contenuti identici.

Un sistema a basso costo, che vi farà risparmiare moltissimo tempo.
I costi sono basati sull’utilizzo, e il sistema è personalizzabile per qualsiasi utente.

Che tu sia una azienda, un SEO expert, un Digital Manager, troverai il nostro strumento indispensabile.
Chiedi informazioni scrivendoci una mail a web@lolligroup.com o vai alla pagina contatti !

Google rimuove app che rubano password

Nove app sono state rimosse da Play Store, grazie all’intervento degli esperti di una società di sicurezza, che hanno segnalato a Google la presenza – all’interno delle applicazioni – di alcuni virus trojan, che rubavano le password per l’accesso a Facebook.
Le app – però – sono già state scaricate 5,8 milioni di volte nel mondo! Si può immaginare quanti dati siano nelle mani dei criminali informatici, che presumibilmente le utilizzeranno in modo illecito.

Il sistema del virus trojan era il solito: l’utente era indirizzato verso una pagina di accesso Facebook – fasulla – creata solo per rubare le password e rimandarle al server dei criminali informatici.

Ecco l’elenco delle app eliminate dal Google Play Store:

  • Rubbish Cleaner
  • PIP Photo
  • Processing Photo
  • Inwell Fitness
  • Horoscope Daily
  • App Lock Keep
  • Lockit Master
  • Horoscope Pi
  • App Lock Manager

La società che ha scoperto la vulnerabilità delle app è la nota Dr Web, e ha aggiunto che in questo momento le app recuperavano le password di Facebook, ma avrebbero potuto senza grandi problemi sfruttare lo stesso sistema per carpire le password di qualsiasi altro sistema online, comprese quindi le banche online e i conti correnti anche in criptovalute.

Gli sviluppatori di queste app sono stati banditi da Google Play Store, ma Google continua la ricerca all’interno di altre applicazioni, che potrebbero facilmente essere ancora presenti. La prudenza è d’obbligo.

Nel giro di pochi giorni è la seconda notizia che riguarda sistemi per rubare password degli utenti, utilizzando telefoni e tablet Android. Poco tempo fa era stato scoperto il nuovo virus Joker, nato e utilizzato anch’esso per rubare password agli utenti ma non solo. Contatti, messaggi, sms, note e dati personali potevano essere facilmente trafugati e inviati ai server dei cybercriminali senza che l’utente si accorgesse di nulla.

Ecco le otto app infettate dal virus Joker, da cui stare alla larga:

  • Auxiliary Message
  • Fast Magic SMS
  • Free CamScanner
  • Super Message
  • Element Scanner
  • Go message
  • Travel Wallpaper
  • Super SMS

Anche in questo caso le app infette sono state cancellate dal Play Store, ma non per questo non possono essere ancora in uso sui telefoni degli utenti.

Se avete domande o problemi, scriveteci e raccontate il vostro problema a fake@lolligroup.com.
E approfittate per cambiare subito le password.

Green Pass e Vaccini falsi: truffa web

Green Pass EU e Vaccini Covid falsi venduti nel dark web.
Utilizzando social che permettono di rimanere anonimi e soprattutto ricevere pagamenti non tracciabili, come Telegram e conti in criptovalute, i criminali offrivano vaccini anti covid e green pass europei fasulli a prezzi da 100 a 130 euro.
La Guardia di Finanza ha sequestrato una decina di canali Telegram e altri account fasulli che rimandavano il cliente sul dark web, dove venivano venduti i finti prodotti tanto richiesti.

Come spesso succede, il web e i social non sono tanto aninimi come i truffatori ritengono, tanto che la banda di truffatori è stata sgominata in brevissimo tempo, anche grazie all’intervento del procuratore aggiunto di Milano Eugenio Fusco e dai pm Bianca Maria Baj Macario e Maura Ripamonti.
I canali Telegram creati appositamente per le truffe sono stati monitorati, seguiti e rintracciati. Sono stati infine sequestrati dalla GDF.

Il sistema permetteva di inviare il cliente verso link del web non facilmente rintracciabili, dove si chiedeva un pagamento in criptovalute, ovviamente non rintracciabili.

I vaccini covid erano offerti in diverse confezioni e prezzi, inclusa una spedizione a temperatura controllata e “garantita”, e naturalmente la certificazione di avvenuta somministrazione, anch’essa fasulla.

I green pass di vaccinazione europea venduti, poi, avevano un QR code con dati del richiedente, ma una ovvia certificazione fasulla, così come dati fasulli dei lotti del vaccino.
I certificati erano venduti non solo in Italia, ma anche e soprattutto in USA, Gran Bretagna, Svizzera e in altri paesi europei.


Attenzione alla truffa web e social !

Come abbiamo già più volte ricordato, non sono i sistemi web o social a generare le truffe, ma i clienti furbi, che pensano sempre di aggirare le norme. Alcuni canali Telegram che seguiamo come Lolli Group hanno una media di 200 messaggi al giorno di persone che cercano modi di truffare il prossimo, o di guadagnare denaro senza sforzo.
Ricordiamo con l’occasione che SONO TRUFFE:

  • vendita account Netflix PlayStation
  • vendita buoni Amazon
  • vendita criptovalute
  • vendita sistemi per caricare chiavette di distributori
  • in generale tutti i sistemi che promettono un enorme guadagno con un minimo sforzo, o un investimento inesistente.

Per non parlare delle truffe sessuali, di finte donne che chiedono un acconto per un appuntamento di sesso.
Tutte le truffe e i loro ideatori spariranno un secondo dopo il vostro pagamento, che sia tramite una ricaricabile o in criptovalute.

Avete ricevuto una truffa o una richiesta di denaro?
Avete dei dubbi su un canale, un utente o un metodo, troppo bello per essere vero?
Scriveteci per raccontarci la vostra esperienza, servirà IN MODO ANONIMO per tutti!
Inviate una mail raccontandoci il problema o la truffa a fake@lolligroup.com

Il creatore dell’antivirus McAfee impiccato in carcere

Il creatore del famoso software antivirus McAfee, John McAfee, si è impiccato nelle sua cella in un carcere di Barcellona, in cui era detenuto.
McAfee aveva 75 anni, ed era stato arrestato dalle autorità spagnole e detenuto in attesa di estradizione verso gli Stati Uniti.
Gli USA, infatti, lo ricercavano come evasore fiscale, e la Spagna aveva già confermato l’estradizione oltreoceano. Negli Stati Uniti rischiava 30 anni di carcere per la mancata dichiarazione dei ricavi realizzati con criptovalute e con la vendita dei diritti sulla storia della sua vita per un documentario.

L’account Instagram di John McAfee posta pochi minuti dopo l’annuncio della sua morte una foto con la lettera Q, in quello che sembra diretto riferimento alla teoria cospirazionista di Qanon.

Spotify lancia Greenroom, concorrente di ClubHouse (e Telegram)

Anche Spotify ha annunciato la sua nuova Greenroom, una versione di Clubhouse. Il nuovo sistema permette di mettere a disposizione – online – nuovi contenuti audio, musica e podcast. In questo modo Spotify segue la nuova moda di diffusione contenuti iniziato proprio con la app Clubhouse.

Spotify era probabilmente partita con questo nuovo progetto grazie alla acquisizione degli sviluppatori di Locker Room, una app molto simile e vicina a Clubhouse, dedicata allo sport, come dice il nome.

Greenroom sarà invece dedicata alla musica, mantenendo tutte le funzionalità di diffusione audio, musica, podcast. Spotify Greenroom sarà pubblicata in App Store e Google Play, per sistemi iOS e Android.
Spotify commenta a proposito di Greenroom:

“Abbiamo pensato a Greenroom tenendo bene in mente i creatori e agli artisti che rendono Spotify eccezionale, con la voglia di semplificare l’interattività e le connessioni tra i partecipanti alle stanze dal vivo”

La app Greenhouse è molto semplice. L’utente si iscrive, con il proprio account Spotify o Facebook, in autonomia e senza la necessità di essere invitato da qualcuno, tanto cara a Clubhouse. Si entra in una stanza oppure se ne crea una nuova e personale.
Le stanze funzionano anche in modalità background, e si ritroveranno i contenuti nella app anche dopo aver utilizzato una applicazione diversa, ad esempio Spotify stessa.

Ricordiamo a tutti che anche Telegram offre queste funzionalità di chat room audio, di chat vocali con decine o migliaia di persone, e ultimamente anche di video chat. Uno strumento sicuro e rispondente alle norme sulla privacy che non mancherà di appassionarvi (clicca QUI per il canale Telegram Lolli Group).

Molto interessante anche l’annuncio del Creator Fund da parte di Spotify, il programma integrato che aiuterà i creativi a creare un reddito dal proprio lavoro. Spotify infatti pagherà i creator basandosi sul numero di utenti in ascolto nelle diverse stanze e gruppi, proprio come fa anche Clubhouse nel suo sistema.

Il macello degli orrori a Cremona: dove finisce la carne?

ROMA 16 GIUGNO 2021 – Qualche giorno fa Animal Equality ha pubblicato e pubblicizzato un video davvero brutale, ma proprio per questo da guardare con attenzione, nel canale Youtube della associazione (link canale Youtube).

La Zema Srl di Cremona, è un macello industriale da cui transitano ogni settimana fino a 3.000 maiali, fino a 150.000 (centocinquantamila) all’anno. Nella provincia di Cremona vengono allevati ogni anno circa 800.000 maiali, e il 19% è macellato alla Zema Srl.

Le scene riprese e pubblicate da Animal Equality all’interno del macello sono impressionanti.

Mangiare carne è un scelta personale, ma torture di questo livello dovrebbero essere oggetto di approfondimenti da parte della giustizia, e decisamente impedito a chi lavori in questo modo di continuare a fare danno.

La fretta, il denaro, la necessità di risparmio non possono prescindere dal normale benessere degli animali, che in questo macello vengono trattati molti peggio di un oggetto.

Animal Equality ha denunciato la Zema Srl di Cremona per il non rispetto della normativa vigente, e per pubblicità ingannevole.

E’ notizia recente la presa in carico degli esposti – presentati alla magistratura – da parte degli inquirenti, e una piacevole sorpresa nell’interesse politico: il PD Mattia Piloni, capo delegazione della commissione agricoltura in giunta regionale, ha presentato una interrogazione in Regione Lombardia.

SITO WEB DELLA ZEMA OSCURATO

La Zema Srl fornisce un numero consistente di distributori in Italia e – sembra – anche in Europa.

Il macello sembra legato a catene di distribuzione alimentare molto importanti. Non è possibile – però – controllare dal sito web della Zema (http://www.zemamaleri.it), oscurato improvvisamente da sabato scorso 12 giugno 2021.

Nel momento in cui scriviamo, il sito non è ancora raggiungibile, mentre lo era nel giorno della pubblicazione dell’inchiesta di Animal Equality.

Cercando la Zema Srl sul web si trovano per ora solo le immagini di una azienda linda e pulita, quasi splendente, e deserta, su Google (link alle immagini pubblicate dalla proprietà).

Verificando a chi appartiene il dominio web della azienda, ecco i dati registrati, ovviamente di dominio pubblico e verificabili su whois:

  • Domain: zemamaleri.it
    Status: ok
    Signed: no
    Created: 2015-04-23 09:26:15
    Last Update: 2021-05-09 00:59:03
    Expire Date:2022-04-23
  • Registrant
    Organization: christian maleri
    Address: via s.p., 20
    SALVIROLA
    26010
    CR
    IT
    Created: 2015-04-23 09:26:14
    Last Update: 2015-04-23 09:26:14
  • Admin Contact
    Name: christian maleri
    Organization: christian maleri
    Address: via s.p., 20 SALVIROLA 26010 CR IT
    Created: 2015-04-23 09:26:14
    Last Update: 2015-04-23 09:26:14
  • Technical Contacts
    Name: christian maleri
    Organization: christian maleri
    Address: via s.p., 20 SALVIROLA 26010 CR IT
    Created: 2015-04-23 09:26:14
    Last Update: 2015-04-23 09:26:14

Su Linkedin è presente la pagina personale di Christian Maleri, che riporta come carica professionale “Amministratore presso ZEMA srl” (qui il link al profilo).

Sono molti gli interessi che risultano leggendo la parte pubblica di questo profilo pubblicato su Linkedin, e preoccupa che la persona possa essere lo stesso responsabile del macello Zema Srl, e che le aziende citate siano clienti a cui la “carne degli orrori” venga venduta.

Anche con questo dubbio in mente ho contattato tutti gli uffici stampa dei supermercati e dei centri carne citati.

A oggi, 16 giugno, solo l’ufficio stampa di Esselunga Spa di Milano, risponde alla richiesta di chiarimenti, escludendo qualsiasi rapporto con il macello:

Buongiorno, la informiamo che questa azienda non è tra i nostri fornitori e non abbiamo mai avuto con essa alcun rapporto commerciale.

Felici che Esselunga non abbia nulla da spartire con questa indagine agghiacciante, ma rimaniamo in attesa di una risposta da parte delle altre aziende della GDO interrogate, fra cui alcuni dei maggiori supermercati nel nostro paese e in Europa.

Rimaniamo in attesa di ulteriori aggiornamenti anche da parte di Animal Equality, raggiungibile al sito web animalequality.it

Guadagnare sul Web un extra mensile

Ci sono alcuni siti web che tengo sempre sottomano, e che possiamo utilizzare per guadagnare un po’ di soldi extra. Guadagnare con Web un extra mensile è una speranza per molti, specialmente in questo periodo.
Alcune settimane possiamo guadagnare con Web un extra mensile che può arrivare a 300 Euro in più, spesso con un impegno minimo in termini di tempo.
Questi siti web sono perfetti per chi già si occupi di web, abbia una attività come freelance, in attesa di qualche cliente importante che impegni la maggior parte del tempo ogni giorno.
Come per tutti i lavori, è necessario controllare spesso le possibilità di lavoro, e naturalmente conoscere l’inglese.
Non le consiglierei come opportunità di un vero e proprio lavoro, ma – trovando del tempo extra e con costanza – è possibile guadagnare una cifra interessante.

Prolific

Prolific è senza dubbio il miglior sito di sondaggi disponibile. In effetti, dovresti sacrificare tutti gli altri siti per Prolific.
La paga qui è decente e fanno ogni sforzo per pagare ai partecipanti un prezzo equo.
A differenza di altri siti di sondaggi come Swagbucks o Qmee che ti pagano il minimo, i sondaggi Prolific di solito soddisfano o superano il salario minimo di molti paesi in Unione Europea.
Il sito Web è disponibile per utenti nella maggior parte dei paesi. Primo passo, dunque, registrarsi al sito.
Dovrai compilare alcune informazioni su di te che ti aiuteranno a scegliere ed essere assegnato a studi e ricerche.
Controlla regolarmente mentre aggiungono sempre nuove domande che possono aiutarti a garantire ulteriori lavori.
Prolific è un sito web di ricerca accademica e a volte ha anche studi di ricerca di mercato. Gli argomenti sono di solito davvero molto interessanti con lunghezze che vanno da 1 minuto a 60 minuti. La paga media risulta essere di circa € 7,50 all’ora trascorsa a lavorare sul sito. Una paga superiore a molti lavori manuali che si trovano a disposizione online.
Nuove ricerche vengono pubblicate di continuo, l’opzione migliore è mantenere sempre aperto il sito web per accedere a nuovi lavori. Ultimamente sono disponibili molti lavori, specie rispetto a qualche tempo fa, e non è difficilissimo guadagnare fino a 100 Euro a settimana, con impegno e attenzione.

UserTesting e guadagnare via Web

UserTesting è un altro ottimo sito web per guadagnare online extra. Il lavoro è disponibile, la paga è buona, se presti attenzione puoi seguire molte attività.
Il lavoro offerto è semplice: si tratta di fornire feedback sull’esperienza utente sulla pagina per un’ampia varietà di marchi.
Accettano persone dalla maggior parte dei paesi purché tu abbia una buona padronanza dell’inglese parlato.
È davvero importante essere in grado di esprimere chiaramente i propri pensieri per fornire valore alle aziende.
Devi fare un test pratico prima che ti lascino passare alla dashboard e al lavoro sicuro.
Affronteremo in un articolo separato le difficoltà per superare il test online, e iniziare il lavoro. Potete comunque provarci.
Come detto, l’inglese è importante. D’altro canto pensate sul serio di poter lavorare senza conoscere la lingua inglese, nel 2021?
Il sistema di valutazione su UserTesting si basa su una valutazione con stelle. Quante più stelle hai, tanti più test potrai vedere.
Devi cercare di mantenere una valutazione a 5 stelle per ottenere il maggior numero di test. Se sei veloce nell’accettare gli incarichi, puoi fare davvero molti soldi extra con questo lavoro online.
Non è difficile accumulare 300 o anche 400 euro al mese da UserTesting, ma ci sono persone che lavorano solo ed esclusivamente su questo sito web.
Avendo anche altre possibilità, come abbiamo visto, non ha senso mantenersi solo su un sito, ma insieme con gli altri permette un ottimo stipendio extra mensile.
La maggior parte dei test durano tra 5 e 20 minuti e pagano $ 10 $ per ogni test.
Hanno anche test di conversazione dal vivo in cui puoi guadagnare fino a $ 60 per test.

Serpclix per guadagnare con il Web

Serpclix è una piattaforma che regala tra $ 0,05 e $ 0,10 per clic. Non è difficile imparare a utilizzarlo. Si tratta di scaricare una estensione per un browser, al momento Firefox o Edge, e seguire le istruzioni per effettuare una ricerca web.
Nel browser infatti appare un ordine potenziale, noi dovremo cercare nella finestra del browser la parola chiave o keyword suggerita, e poi scorrere i risultati di Google fino a trovare il link che dovremo cliccare, di solito evidenziato con un colore diverso. Non necessariamente il link sarà nella prima pagina, anzi molto spesso sarà in una pagina successiva del browser.
Una volta aperto il sito cliente, partirà un timer con un countdown, e dovremo rimanere sulla pagina per i secondi specificati. Qualsiasi movimento dal sito, chiudere il browser o tornare indietro vi farà perdere la possibilità di guadagno. Quindi è un lavoro per chi ha pazienza!
Non è di sicuro un lavoro difficile, è il sistema ad avvisare non appena è disponibile un nuovo sito web da cliccare per guadagnare un extra.
Ci sono lavori che rendono decisamente di più, ma non si può pretendere molto da una attività dove l’unico impegno sia cliccare su un link.
Con un po’ di allenamento si riesce a cliccare anche facendo altro, magari parlando al telefono, e spesso i siti che si aprono sono interessanti, tanto da navigarci.

Come guadagnare via web?

Ho volutamente evitato di parlare delle offerte con cinque zeri offerti al mese, perchè solo una persona sciocca pensa di poter guadagnare migliaia di euro senza essere un professionista, con un lavoro semplice e banale.

Queste offerte di lavoro online sono una opzione per guadagnare un extra mensile, che qualche volta può stupirci, altre volte sarà limitato.

Non si tratta di un impegno importante e può essere portato avanti anche da chi faccia altro durante il giorno. Un computer è sufficiente e, come detto, con un po’ di impegno si potrà arrivare a guadagnare qualche centinaio di euro al mese, senza particolare sforzo.

Quello che vi consiglio è comunque di non aspettarvi un guadagno dal web, non un guadagno serio, a meno di non voler cadere a tutti i costi in trappole da parte dei moltissimi truffatori che cercano proprio dei “polli” da spennare.

Inutile paragonarsi a Chiara Ferragni. I maggiori influencer hanno costruito la loro reputazioe con anni di attività e soprattutto un supporto professionale da parte di esperti del settore. Con un paio di video su TikTok o su Youtube non si arriva da nessuna parte, e non si riuscirà mai a mantenere una famiglia o nemmeno se stessi.
Tutti quelli che dicono il contrario stanno mentendo, e di solito parlano del “cugino” o “dell’amico di un amico”.

Concentratevi sullo studio e sull’approfondimento di ogni materia, anche utilizzando le moltissime possibilità del web, le proposte gratuite o a basso costo, e SPECIALIZZATEVI. Scegliete quello in cui siete davvero bravi, e fate quello che vi rende felici, indipendentemente dal guadagno. E’ l’unico modo per provare a sfondare e avere successo.

E ora dimmi la tua, cosa ne pensi?
Vuoi aggiungere qualche altro sito web a questa lista? Commenta pure!

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google